FERRARI & GIOVANNELLI - work in progress
il 190.38 Special Tir Series di Massimiliano  

 

 

 
Mantova, gennaio 2010
 

Massimiliano e' un ragazzo della provincia mantovana, figlio di un autotrasportatore: la famiglia ha una impresa di autotrasporti ancora oggi. Nel 1983, anno della presentazione dello Special, aveva poco piu' di 10 anni, ed a questo periodo sono legati i suoi primi ricordi dello Special: in quegli anni un collega di suo padre ne aveva acquistato un esemplare. In questi ultimi anni si e' riacceso in lui un nuovo l'interesse per questo mezzo, complice anche il cugino, che ha restaurato un vecchio Fiat 690, che lo ha incoraggiato a portare avanti con determinazione questa opera. Si e' messo alla ricerca di un esemplare ancora in buone condizioni e, dopo alcuni tentativi andati a vuoto e' riuscito ad entrare in contatto con il Sig Baldan di Venezia, titolare della omonima impresa di trasporti. Il Sig. Baldan e' proprietario infatti di un esemplare di Special, acquistato nel 1983 e dal quale non se ne e' mai separato (la targa bianca e' relativa ad una re-immatricolazione dovuta ad uno smarrimenti di documentim, tant'e' che il mezzo ha ancora il suo libretto di circolazion e originale). Sfortunatamente il mezzo, ancora regolarmente utilizzato per trainare semirimorchi portacontainer, a inizio estate 2009 ha avuto un tamponamento in tangenziale a Mestre, ed al momento della trattativa e' fermo in un piazzale. Il mezzo si presenta in queste condizioni:

Nonostante le condizioni non siamo delle migliori, Massimiliano non si scoraggia e a fine luglio 2009 decide di acquistarlo e si reca con un suo mezzo a ritirarlo:

il camion viene caricato su un carrellone destinazione provincia mantovana.

Nonostante il mezzo abbia fatto un incidente, il telaio non ha riportato alcun danneggiamento: l'unica parte ad aver subito danni e' la cabina. La piacevole sorpesa invece, che Massimiliano aveva gia' notato in occasione della sua prima visita al mezzo, e' che l'interno e' ancora tutto perfettamente originale. Brandine, sedili, pannelli porta, addirittura sono ancora conservati sotto la cuccetta inferiore i cuscini delle 2 cuccette e dei sedili: fino ad ora e' l'unico esemplare ritrovato che possiede ancora questi "gadget" previsti dalla serie Special. Una volta arrivato "a casa", e' subito oggetto di particolari attenzioni...

 

La cabina viene smonatata dal telaio e privata di tutti quanti gli accessori. Massimiliano ha gia' previsto la sua sostitutione con una altra cabina di 190.38. Successivamente il telaio viene completamente denudato e privato di tutti gli accessori.

A questo punto il lavoro di Massimiliano si concentra su telaio (sabbiatura e seguente verniciatura) e ripristino degli accessori del telaio. Dove non e' possibile un restauro, a causa del loro deterioramenti, Massimiliano procedera' con l'acquisto di nuove componenti.

Il telaio sabbiato.Il telaio verniciato.

Di seguito altri particolari degil accessori - telaio:

Dopodiche' Massimiliano procede al loro assemblaggio al telaio:

Febbraio 2010: proseguono i lavori, ecco altri aggiornamenti:

A fine marzo 2010 il telaio e' gia' sulle ruote, quasi pronto per poi ricevere la cabina:

Aprile 2010: iniziano i lavori sulla nuova cabina:

prima viene smantellata di tutto quanto, poi interamente lavata e pulita,

successivamente interamente sabbiata:

inoltre in occasione della operazione di sabbiatura sono stati sostituiti i lamierati in corrispondenza della parte posteriore del parafango, noto "tallone d'achille" delle cabine IVECO della serie 190, soggetto alla precoce comparsa di ruggine:

Dicembre 2010: continuano i lavori sulla cabina:

La cabina viene preparata da Massimiliano all'interno della sua officina, come fatto fino ad ora, rifinendo tutto alla perfezione e verniciando le parti non espost, mentre all'esterno viene passata una mano leggera di fondo aggrapante per la vernice:

qui vediamo la cabina presso i locali di una carrozzeria per la verniciatura dell'esterno, nel classico colore degli Special, presso la quale Massimiliano si e' appoggiato per effettuare una verniciatura impeccabile:

Contemporaneamente in questo periodo Massimiliano non si e' concentrato esclusivamente sulla carrozzeria ma ha lavorato anche sul motore V8: un accurato lavoro al motore ha riguardato l'aspirazione, l'alimentazione e gli scarichi, sono state sostituite tutte le guarnizioni,i manicotti, pompa e iniettori sono stati portati dal pompista per una pulitina e taratura, sono state smontate e pulite le turbine, ed infine sostituite le bronzine di banco e biella.

Primavera 2011: continuano i lavori.

Il motore viene posizionato al telaio:

mentre proseguono ovviamente i lavori alla cabina ed al suo interno:la cabina e' stata completamente verniciata e portata a casa da Massimiliano:

e pertanto e' ora possibile iniziare il montaggio dei vetri, delle guarnizioni, l'allestimento degli interni, l'impianto elettrico e quant'altro:

Ad agosto 2011 il mezzo si presenta cosi':

con la cabina gia' montata sul telaio.

segue...

 

 

 

l